Lunedì 18 Dicembre 2017
image

Tosca a San Donà (1917 - 2017)

Evento 

Quando:
sabato, 28 ottobre 2017 20.45 h - 23.30 h
Dove:
Nuovo Teatro Metropolitano Astra - San Donà di Piave
Categoria:
Concerti e opere

Descrizione

TOSCA a San Donà di Piave (1917 - 2017)

Opera in tre atti di G. Giacosa e L. Illica

Prima rappresentazione: Teatro Costanzi - Roma, 14 gennaio 1900

Musica di Giacomo Puccini

Personaggi e interpreti

Floria Tosca (Isabella Picchetti): Erika Peder

Mario Cavaradossi (Vittorio Marusso): Alessandro Goldoni

Scarpia (Svetozar Borojevic von Bojna): Andrea Zese

Sagrestano (Enrico Peretti): Klaus Cordella

Sciarrone - Spoletta: Giulio Olivo

Carceriere: Claudio Bornacin

Conte Giannino Ancillotto: Filippo Fabris

Contessa Elvira Ancillotto: Gaia Talon

Mons. Luigi Saretta: Domenico Paolantonio

M° Enrico Segattini: Primo Gambino

Beata Lucia Schiavinato: Valentina Curati

Narratori: Alessia Zivelonghi, Gaia Termini, Nicola Battiston, Giada Grandin, Alex Mazzetto, Anita Cataldo, Mirko Maffessoli

Orchestra Filarmonica "E. Segattini"

Coro Metropolitano Veneto

Direttore: Mauro Perissinotto

Scenografie: Maria Giovanna Barbieri

Luci e audio: Marco Mazzon Service

Costumi: Associazione OperiAmo di Ferrara

Regia: Maria Cristina Osti

con la partecipazione

degli alunni delle Classi IID e IIIB della scuola media "Michelangelo" di Jesolo Paese e dell'ACAT Basso Piave

organizzazione a cura del Circolo Culturale Musicale "E. Segattini"

con il contributo dell'Assessorato alla cultura del Comune di San Donà di Piave

Biglietteria: www.teatrometropolitanoastra.it

Descrizione dell'evento 

Lo spettacolo, che andrà in scena presso il Teatro Metropolitano Astra il 28 e 29 ottobre rispettivamente alle ore 20.45 e 16.00, consiste in una rievocazione storica della vigilia della disfatta di Caporetto a San Donà di Piave sulle note dell’opera Tosca di Giacomo Puccini. Il melodramma, di cui è stata realizzata ampia sintesi  – corredata da raccordi storico-drammaturgici recitati da voci narranti -, è ambientato nelle giornate tragiche di cent’anni fa, tra la fine del mese di ottobre e il principio di novembre del 1917.

I personaggi del melodramma vestono i panni di illustri concittadini dell’epoca, secondo una ricostruzione che trova una curiosa coincidenza con le vicende del libretto originale. Il primo atto è ambientato presso il Duomo, dove si immagina operante il pittore locale Vittorio Marusso (alias Mario Cavaradossi). La protagonista Floria Tosca ha quale alter ego il soprano sandonatese Isabella Picchetti. Il barone Scarpia in luogo del tradizionale capo della polizia romana impersona fedelmaresciallo austroungarico Svetozar Borojevic von Bojna, che da Caporetto giunse alle rive del Piave, assediando e prendendo dimora in quelle settimane presso Villa Ancillotto. Il terzo atto dell’opera termina con la fucilazione del pittore nei pressi del ponte sul Piave, che proprio in quei giorni venne fatto brillare. Il suicidio di Tosca ha luogo sulle acque del fiume, che tante vittime ospitò durante quei memorandi e cruenti mesi di guerra. Si riconoscono altri personaggi nei ruoli di comprimariato e tra le comparse, quali Mons. Luigi Saretta, il Sagrestano Enrico Peretti, il M° Enrico Segattini, il Conte Ancillotto e varie famiglie sandonatesi del tempo. Il cast è composto dal soprano veneziano Erika Peder nei panni di Floria Tosca, dal tenore bolognese Alessandro Goldoni nel ruolo di Mario Cavaradossi, dal baritono rodigino Andrea Zese nella parte di Scarpia, dal baritono bellunese Klaus Cordella come sagrestano, dal debuttante Giulio Olivo nelle parti di Spoletta e Sciarrone, dal Coro Metropolitano Veneto con coristi aggiunti di varie realtà corali del territorio, dall’Orchestra Filarmonica “E. Segattini” e da varie comparse, coinvolte per l’occasione attraverso progetti specifici svolti negli istituti scolastici locali. Significativa in questo senso la partecipazione dell’Associazione ACAT Basso Piave e degli alunni delle classi IID e IIIB della scuola secondaria di primo grado “Michelangelo” di Jesolo Paese, i quali hanno prodotto il programma di sala e interverranno in vari aspetti dell’allestimento. Direttore, concertatore ed ideatore del progetto è il M° Mauro Perissinotto.   

La scenografia è curata da Maria Giovanna Barbieri, la quale ha ritratto alcuni scorci della città del principio del secolo scorso. I costumi riprendono stili e usanze del tempo e sono forniti dall’Associazione OperiAmo di Ferrara. Le luci sono di Marco Mazzon Sound & Light. La regia è affidata a Maria Cristina Osti.  

L’organizzazione è curata dal Circolo Culturale Musicale “E. Segattini”, che quest’anno celebra il quarantesimo anniversario della propria costituzione, in collaborazione e con il contributo dell’Assessorato alla Cultura del Comune di San Donà di Piave.  Molteplici sono stati gli apporti documentari, le memorie e le testimonianze dirette e indirette dei cittadini sandonatesi e delle istituzioni locali per accompagnare degnamente la musica di Puccini alla storia della città.  

Si ringraziano: Lillina Picchetti, Lucia Basso, Lorenzo Mazzonetto, Museo della Bonifica, l'Accademia d'arte "V. Marusso", Eliogamma, le parrocchiedi Musile di Piave, Grassaga e del Duomo di San Donà di Piave, l'ACAT Basso Piave, il Coro Metropolitano Veneto, lo staff del Teatro Metropolitano Astra e del Comune di San Donà di Piave, la C.R. I di Susegana, la Principessa Trinidad di Collalto, l'associazione OperiAmo di Ferrara, le famiglie degli studenti delle classi IID e IIIB dell'I. C. "I. Calvino" di Jesolo e i relativi docenti, tanti sandonatesi, collaboratori e sostenitori del Circolo Culturale Musicale "E. Segattini" che in varie forme hanno consentito la realizzazione del progetto. 

Didascalie a cura di Mauro Perissinotto

Sinossi dell'operaa cura degli studenti della classe IIIB dell'I. C. "I. Calvino" di Jesolo Paese

Biografia di Giacomo Puccini a cura degli studenti della classe IID dell'I. C. "I. Calvino" di Jesolo Paese

Note per comunicato stampa

Presto il programma di sala

 


Sede

Location:
Nuovo Teatro Metropolitano Astra